Udine
Sala Consiliare del Palazzo della Provincia di Udine
Piazza Patriarcato 3, Udine

Sabato 08.04.2017
ore 9.30 – 12.30

con il patrocinio della Provincia di Udine

Seminario con Pina Antinucci

Genitorialità alla prova del traumatico

L'emergere di nuclei traumatici non elaborati o pensati nella relazione genitori-figli

Dalla descrizione clinica di due casi facenti parte della sua esperienza professionale, durante il seminario “Genitorialità alla prova del traumatico” la relatrice ci vuole mostrare come nella clinica si possa osservare l'emergere di contenuti che appartengono al nostro passato lontano, relativi ad episodi che pensavamo di aver cancellato e sepolto negli strati più profondi della nostra persona e che invece emergono, non nella forma del ricordo degli eventi (il più delle volte non siamo in grado di ricordarli in quanto si tratta di episodi che all'epoca non siamo ancora in grado di rappresentare), ma nella forma cosiddetta procedurale, per cui atteggiamenti o comportamenti che modellano il nostro stile di rapporto con gli altri possono essere fatti risalire a quelle prime esperienze precoci, ancor di più se esse sono state archiviate nella nostra memoria implicita come eventi che hanno lasciato un segno o che hanno causato un qualche trauma nella mente del bambino.

Il seminario conclude il ciclo di incontri che è stato destinato a chi si occupa della primissima infanzia, in particolare alle insegnanti delle scuole primarie, che abbiamo titolato “I bambini ci guardano”, che presuppone che in ogni cosa che noi facciamo, come ci comportiamo, come ci atteggiamo a lui, il bambino ci osserva, ci guarda con attenzione, egli scruta ogni cosa di noi, ma soprattutto è in grado di cogliere il nostro stato emotivo e la nostra disponibilità nei suoi confronti.

Biglietti
studenti 20 €
ridotto (entro il 20 marzo) 30 €
intero (dopo il 20 marzo) 40 €
Acquista biglietto

Pina Antinucci - Note biografiche

Mia figlia ha trovato molto giovamento frequentando la Casa dei Piccoli. Entrando all’asilo per la prima volta, si è relazionata facilmente con gli altri bambini ed io ho imparato ad accompagnarla nella sua crescita senza soffocarla.

la mamma di Alice, 3 anni

Vai all'inizio della pagina