Ricerca sulla "Azione della Psicoterapia sull’attività di malattia nel Lupus Eritematoso Sistemico"

Il Progetto RI.NA.SCO. (Ricerca Narrazione Scoperta) è un percorso di ricerca con due gruppi di pazienti affetti da Lupus Eritematoso Sistemico al medesimo stadio e con valori sanitari simili.

I gruppi saranno sottoposti al medesimo trattamento farmacologico, ma solo uno dei due riceverà anche trattamento psicoterapico.

Ai gruppi sarà somministrato il test della personalità SWAP-200 per indagare le modifiche di personalità e resilienza sviluppate dai soggetti durante il trattamento con e senza psicoterapia.

La ricerca prenderà in considerazione gli effetti del trattamento strutturato di psicoterapia sui soggetti con sindrome di Lupus Eritematoso Sistemico in quanto malattia cronica di natura autoimmune, che può colpire diversi organi con alternanza tra periodi sintomatici e periodi di remissione.

La prognosi della malattia non è prevedibile e non esiste una causa scatenante specifica della stessa.

La ricerca intende svilupparsi in maniera longitudinale attraverso lo studio comparato di due gruppi:

  • Gruppo A sarà trattato farmacologicamente e con psicoterapia
  • Gruppo B sarà trattato farmacologicamente

Il risultato atteso è che il Gruppo A (trattato con psicoterapia) evidenzi miglioramenti significativi nella propria esperienza di vita quotidiana riducendo l’incidenza della malattia nelle normali attività sociali, lavorative, personali e affettive.

La ricerca sarà condotta per un periodo di due anni al termine dei quali i pazienti seguiranno un periodo di ulteriori 24 mesi di follow up consistenti in verifiche cliniche e psicologiche a cadenza annuale.

Lo scopo è la valutazione del perdurare degli effetti ottenuti nei due anni precedenti tramite somministrazione della psicoterapia e della terapia medica. I risultati della ricerca saranno resi pubblici e condivisi con la comunità scientifica attraverso pubblicazioni, incontri, dibattiti.

Scarica la scheda del Progetto RINASCO

Mia figlia ha trovato molto giovamento frequentando la Casa dei Piccoli. Entrando all’asilo per la prima volta, si è relazionata facilmente con gli altri bambini ed io ho imparato ad accompagnarla nella sua crescita senza soffocarla.

la mamma di Alice, 3 anni

Vai all'inizio della pagina